Frase del giorno:  “Io corro perchè è la mia passione, e non solo uno sport. Ogni volta che esco, io so perchè sto facendo ciò che sto facendo e sono già concentrato sul posto speciale dove troverò la pace e la solitudine.
Correre, per me, è molto più di un esercizio fisico, è una ricompensa speciale per la vittoria!”
   Sasha Azevedo

news.gifNews

2021/LocandinaCorroDaQuandoXSito.jpgCorro da quando - da Atletica Taviano 97 06/07/2021 - 18:58

Corro da quando ... confessioni umoristiche di un runners come te

Corro da quando" non è il libro di un runner che si diletta nella scrittura, ma di uno scrittore che si diletta nella corsa. Sono storie di uomini e donne di diverse età, estrazione sociale, credo politico … che, in balia delle loro vite piene zeppe di tutti quegli avvenimenti contrastanti che le abitano e le rendono incomprensibilmente belle, incontrano la corsa e iniziano a usarla come rimedio, come equilibratore, come bussola. Per questo non è solo un libro sulla corsa, ma un viaggio nel quotidiano delle nostre esistenze che osservo sotto la lente dell’umorismo.
Appuntamento in Piazza del Popolo a Taviano alle ore 21.00 di venerdì 09 luglio 2021.

Cadetti2021.jpgCDS Cadetti 2021 fase provinciale - da Sergio Perchia 28/05/2021 - 18:28

CDS cadetti fase provinciale 2021

Obiettivo raggiunto anche in questo 2021.

L’importante lavoro di avviamento all’atletica svolto dalla nostra associazione e in particolare dal tecnico Roger Ingrosso (da quest’anno coadiuvato anche da Alberto Parata, atleta del nostro vivaio) ha consentito il raggiungimento dell’obiettivo dell’ingresso nelle 12 società pugliesi più forti della categoria cadetti (14-15 anni). Al termine delle fasi provinciali l’Atletica Taviano 97 è seconda in provincia e nova a livello regionale, staccando così il pass per la finale che si svolgerà a Bari sulla nuova pista del campo “Bellavista” il prossimo 12 e 13 giugno.

La classifica viene stilata su un massimo di 12 punteggi con un minimo di otto specialità diverse. I nostri cadetti sono riusciti a coprire nove specialità diverse ed hanno raggiunto agevolmente quindi i dodici punteggi, per un totale di 4.321 punti. Il miglior punteggio tabellare è stato ottenuto da Lorenzo Parata (in questo momento è seguito dal prof. Raimondo Orsini) nei 300Hs con il tempo di 48”0, tra l’altro Lorenzo a partecipato anche alla gara più corta dei 100Hs e con il tempo di 17”1 riuscendo a stabilire il nuovo primato sociale della specialità (togliendolo proprio al fratello Alberto). A seguire Leonardo Tridici nel salto in alto supera l’asticella a metri 1,40. Poi buon risultato anche per la staffetta 4x100 dove Manuel Ingrosso, Lorenzo Parata, Alessandro Casto e Edoardo Tridici stabiliscono anche loro il primato sociale con il tempo di 53”7. Gli altri risultati negli 80 metri piani Paolo Lezzi chiude in 10”7 e Alessandro Casto in 10”8; nei 300 metri ancora Alessandro Casto con 45”3 e Manuel Ingrosso con 48”0; nell’alto oltre a Tridici salta anche Paolo Lezzi ottenendo metri 1,25; sono poi tre i cadetti che partecipano al salto in lungo Edoardo Tridici con 4,40, Manuel Ingrosso con 3,84 e Christian Mastrandrea con 3,69; troviamo Christian anche nel lancio del giavellotto con metri 13,15 e Riccardo Russo con 21,67; infine nel getto del peso Riccardo ottiene 7,23 metri e Michael Olimpio 6,35.
Grande la soddisfazione dei ragazzi e del tecnico per questo risultato e si apprestano a migliorare le performance nella prossima finale regionale.


ArrivoMirko100Km.jpgDiario di un Runner - da Mirko Previtero 16/04/2021 - 18:54

 

8 motivi per iniziare a correre
 
“Ho sempre amato correre, è qualcosa che puoi fare da solo, unicamente grazie alla tua volontà. Puoi andare in qualsiasi direzione, correre lento o veloce, o contro vento se ne hai voglia, scoprire nuovi luoghi usando solo la forza dei tuoi piedi ed il coraggio dei tuoi polmoni!” (Jesse Owens) 

Una domanda che spesso mi sento rivolgere da persone che non corrono è: “PERCHE’CORRI?”. Una domanda che ogni runner ha ricevuto da un “non runner”, ma anche una domanda che un runner ha fatto più volte a sé stesso, magari durante gli allenamenti o delle gare complicate. Una domanda che spesso pone una distanza tra chi corre e chi no. Sarebbe facile dire che chi non corre non può capire: ciò farebbe assumere un “atteggiamento di superiorità” al runner e che troverebbe facilmente applausi tra chi corre. 

In realtà, a volte, la domanda è sbagliata per diversi motivi: il primo è che si presuppone un ’‘ipotesi di pazzia’ del runner: “tie si pacciu!” …. “ma nu stai bbonu!” è quello che mi sento dire molto spesso; il secondo è che non puoi chiedere ad un innamorato perché lo sia. Al massimo, puoi chiedere ad un innamorato come è iniziato un amore. Le risposte giuste alla domanda: “Perché corri?” sono tantissime, ognuno ha i suoi motivi. Quello che può accadere, però, è che un runner non dia la risposta reale, neanche a sè stesso, perché non è facile trovare le reali motivazioni che ci fanno muovere o confessarle, non perché ci sia qualcosa di male, ma perché mettersi a nudo non è facile.

Il mio obiettivo, come l’obiettivo di tanti altri che hanno la mia stessa passione, è godermi la corsa, divertirmi, star bene con me stesso. La corsa, oltre a farti star bene se praticata nel modo giusto, è un mezzo di comunicazione, è un modo per parlare, per raccontarsi, per tracciare le proprie esperienze che magari non cambieranno la storia agli altri, ma la nostra si. 

La corsa poi dà un senso di appartenenza: non è un caso che ci salutiamo (e acceleriamo) senza conoscerci quando ci incrociamo mentre corriamo. La corsa è rispetto, è aiutarsi, sostenersi, affermarsi, dire chi siamo. Il sacrificio, l’allenamento quotidiano sono la strada per raggiungere gli obiettivi che ci prefissiamo, senza usare scorciatoie: ciò forgia l’animo di chi macina km ogni settimana! A volte veniamo presi in giro perché abbiamo comportamenti semiprofessionistici (abbiamo il nostro coach, il nostro fisioterapista di fiducia, curiamo l’alimentazione come se fossimo alle olimpiadi, etc…) ma è solo un modo per coccolarci, per premiarci, un modo di volerci bene ed amarci. Quindi amici che ancora vi chiedete: “PERCHE’ CORRIAMO?”, mettete le scarpette ai piedi e venite a fare qualche km con me, poi mi saprete dire. Intanto vi propongo 8 buoni motivi per iniziare a correre………buona strada a tutti! 

8 MOTIVI PER INIZIARE A CORRERE

1°motivo: CORRERE FA BENE ALLA SALUTE FISICA 

La sedentarietà è dannosa per la salute; correre fa bene all’apparato cardiocircolatorio, ai muscoli e, in generale, a tutto il corpo. 

2°motivo: CORRERE VI FA SENTIRE FORTI 

Riuscire a portare a termine un percorso di 2km, 10 km o 40 km, vi farà realizzare che siete molto più in gamba di quanto voi pensiate; questo aspetto riguarderà man mano anche altri aspetti della vostra vita: troverete energie e risorse che voi non pensavate di avere. 

3° motivo: CORRERE FA BENE ALLA SALUTE MENTALE 

Star bene dentro fa star bene fuori e viceversa; correre fa scaricare ansia e stress, è un toccasana per il nostro benessere psicofisico, fa crescere la nostra autostima. 

4° motivo: INIZIARE PIANO 

Il bello della corsa è che all’inizio ognuno la può calibrare come vuole, cioè si possono seguire delle tabelle o procedere a sensazione, in base a come risponde il proprio corpo. 

5° motivo: CORRERE È PER TUTTE L’ETA’ 

Si può correre a tutte le età: la cosa importante è programmare le proprie uscite tenendo conto delle proprie condizioni; ovviamente un sessantenne non deve e non può correre come un ventenne ma può ottenere dei risultati inaspettati. 

6° motivo: CORRERE È UN MOMENTO TUTTO NOSTRO 

Si può correre in gruppo, in coppia, da soli: in ogni caso, nel momento in cui indossiamo le nostre scarpette da running e iniziamo a correre, entriamo in un momento tutto nostro. Prendersi dei momenti per sè stessi è un ottimo rimedio per tutti i mali. Stacchiamo la spina dal lavoro, dalla famiglia, dai figli, dagli impegni per poi tornare ricaricati e pieni di energia. 

7° motivo: CORRERE NUTRE IL BUON UMORE 

Sfido chiunque a trovare un runner appassionato che sia di cattivo umore: per carità, la giornata storta capita a chiunque, anche ai runners; ma chi si appassiona ad uno sport come la corsa stempera e scarica l’energia negativa accumulata correndo e non lascia spazio al cattivo umore! 

8° motivo: CORRERE E’ LIBERTA’ 

Puoi andare dove vuoi, quando vuoi, pensare a ciò che vuoi, riflettere, decidere, ammirare il paesaggio che ti circonda ….. se non è libertà questa!!!!!


(Mirko Previtero)


2019/Foto6Ore.jpg6 ore di Acaya - da Cesario Picca 27/06/2019 - 11:46

6 ore di Acaya
 
La sei ore di Acaya è stata una gara fantastica. C’ero anch’io tra i 175 ‘matti’ che sabato 22 giugno hanno preso parte alla prima ultramaratona del Salento. L’ho approcciata con tanti dubbi nella testa a causa del caldo. Normale quando l’appuntamento è fissato alle 16 di un giorno di fuoco con il termometro che segna 37 gradi. La mia paura più grande era proprio la temperatura. E. in effetti, le prime due ore sono state più che faticose. Ad un certo punto ho anche temuto di non farcela. Troppa fatica, troppo caldo, troppo sforzo. Ma ho resistito. Come al mio solito, ho stretto i denti e sono andato avanti. E ora sono qui a gioire di questo ennesimo risultato raggiunto. La strada verso l’iscrizione al Club super marathon diventa sempre più corta. Se c’è stata una buona riuscita è anche merito degli organizzatori ai quali è d’obbligo fare i complimenti. Hanno scelto una bellissima la location e hanno tracciato un percorso molto carino. Ma soprattutto hanno dimostrato una grande attenzione nei confronti dei corridori. Una cura dei dettagli che non ho mai riscontrato in questi dieci anni di maratone in giro per il mondo.

È davvero la prima volta e sono orgoglioso che ciò sia avvenuto nel mio Salento. Gli organizzatori non si sono limitati a fornire acqua ai corridori, si sono dati da fare per offrirla fresca. Non hanno fatto mancare i sali, né la coca cola. E c’erano anche il the e la birra oltre che la frutta e altri tipi di solidi. E all’arrivo hanno continuato a dare il meglio di loro stessi. Non solo hanno fatto coniare una bellissima medaglia, forse la più bella che ho in bacheca. Con essa hanno consegnato ai finisher una buona birra, un pizzo squisito, un gustoso panino alla mortadella e, chi li ha gustati, ha confermato la bontà del pasticciotto e della crostata.

Complimenti anche a tutti i volontari che si sono dati da fare per proteggere il percorso e ai residenti di Acaya che non hanno mai fatto mancare il loro incitamento e la loro vicinanza ai corridori. La sei ore di Acaya è stata davvero un’esperienza molto positiva che merita di essere ripetuta. Magari il 22 aprile o il 22 settembre, così almeno ci sarà più gloria per tutti.


2019/Ragazzi2019.jpgCDS Ragazzi - da Perchia Sergio 06/06/2019 - 19:32

CDS Ragazzi - fase provinciale
 
CAMPIONI PROVINCIALI

Un entusiasmo travolgente quello dei ragazzi che hanno ottenuto u
n importante risultato alla fase provinciale dei recenti CDS. I giovani atleti della categoria Ragazzi della nostra Associazione sono saliti sul gradino più alto del podio. In questo 2019 è la prima volta per l’Atletica Taviano 97 che vince il campionato di società di categoria. Al termine delle gare nelle altre province si ottiene un ottimo 5° posto regionale che ci fa ben sperare per la fase finale. Già nel 2016 i cadetti erano riusciti a qualificarsi per la fase regionale ma in quella occasione, al termine delle fasi provinciali eravamo solo 11° e non fu facile sfidare le altre società pugliesi (infatti la classifica non fu migliorata), in questa occasione invece c’è molta fiducia intorno ai ragazzi, sia per i risultati che hanno ottenuto e possono migliorare, sia perché la distanza con le prime non è impossibile da colmare. Di seguito i ragazzi e le specialità alle quali hanno partecipato e contribuito per il risultato raggiunto:

Alessandro Casto mt.60 – mt.300 – staffettaA 4x100

Paolo Lezzi mt.60 – salto in alto – staffettaA 4x100

Manuel Ingrosso mt.60 – salto in lungo – staffettaB 4x100

Angelo Simeone mt.300 – staffettaB 4x100

Marco Ferraro salto in alto – salto in lungo – satffettaA 4x100

Lorenzo Parata mt.200Hs – salto in lungo – staffettaB 4x100

Christian Mastrandrea salto in lungo – lancio del giavellotto – staffetta B 4x100

Alfredo Rainò mt.200Hs – lancio del giavellotto – staffettaA 4x100

Complimenti a tutti e in bocca al lupo per la fase regionale


2016/GruppoGeneraleStaffetta.jpgStaffetta per Mancaversa 2016 - da Sergio Perchia 24/08/2016 - 10:16

STAFFETTA per MANCAVERSA - 20 agosto 2016
 
Entusiasmante e spettacolare questa gara di corsa su strada che l’Associazione ha organizzato sabato 20 agosto scorso a Mancaversa la marina di Taviano. Le staffette, composte da 4 atleti (per quelle femminili o miste sono tre gli atleti) che percorrono ognuno 1500 metri (due giri da 750 metri) e poi si passa il testimone al compagno di squadra, riescono a coinvolgere diversi spettatori che ai lati del percorso incitano ogni atleta, pertanto una gara che è vissuta in tutto il suo sviluppo e che al termine ha assegnato il titolo di società campione provinciale di staffetta.
Si parte come da programma alle 18.00 e sulla linea di partenza si presentano ben 14 atleti in rappresentanza di altrettante squadre, un successo per questa edizione (lo scorso anno erano state solo 8 le squadre partecipanti). Al primo giro, dopo 750 metri al comando un gruppetto di sette atleti che hanno già preso qualche metro di vantaggio sugli altri. Anche la qualità degli atleti in questa edizione è cresciuta. Al primo cambio l’Atletica Capo di Leuca e la Saracenatletica sono appaiate con gli altri qualche metro più indietro, per la vittoria finale sarà una bella lotta a due.
Al termine al terzo posto in classifica giungono i staffettisti della P.U.C. Salento (società che aveva schierato ben due squadre) dopo una bella gara disputata con l’Atletica Taviano 97 e appunto i rappresentati della seconda squadra della PUC Salento. Al femminile l’affermazione è per la staffetta rosa della Podistica Tuglie formata da Cuppone Laura. Merenda Catia e Venuti Rosanna; mentre per la mista vince la Podistica Parabita con Vitali Luca, De Luca Barbara e Toma Pierluigi. Per il titolo tra gli uomini la vittoria finale va alla Atletica Capo di Leuca (per la statistica la società vince da sempre e quindi tutte e quattro le edizioni di questa iniziativa) con Negro Alessandro, Brigante Riccardo, De Salvo Giuanluca e Esposito Marcello lasciando solo qualche metro più indietro, dopo una entusiasmante gara, la Saracentaletica che ha corso con Guido Salvatore, Vonghia Sebastiano, Cavallo Massimo e Imperiale Antonio.
Nella gara promozionale, riservata ai giovani cadetti (14-15 anni), la spunta la Saracenatletica (Tundo Andrea, Farina Maurizio e Pellegrino Giovanni) sulla società di casa Atletica Taviano 97 (Parata Alberto, Bagno Gabriele e Mastrandrea Giacomo).
Un ringraziamento particolare va al major sponsor della manifestazione l'Agenzia Unipol dei fratelli Lupo a Taviano.

2016/Giorgio.jpgIncontro con Giorgio Calcaterra - da Sergio Perchia 03/07/2016 - 15:15

GIORGIO CALCATERRA a Taviano - 28 giugno 2016
 
Quando un atleta decide di partecipare ad una maratona o ultramaratona le emozioni e l’entusiasmo sono coinvolgenti per tutti i componenti dell’Associazione. Potremmo dire che, idealmente, si è tutti sulla linea di partenza della gara per accompagnare il compagno nella sua impresa. E’ quanto è successo negli anni scorsi con Franco Margarito ed è quanto si è ripetuto anche quest’anno con Mirko Previtero nella partecipazione alla “100Km del Passatore”.
Nel 2016 un ulteriore tassello ci è stato fornito con la pubblicazione del libro “Correre è la mia vita” scritto dal vincitore della gara. Non un vincitore qualsiasi, ma un atleta che ha legato il suo nome con questa ultramaratona riuscendo nell’impresa di vincere le ultime 11 edizioni (dal 2006 al 2016) Giorgio Calcaterra.
Non ci poteva sfuggire l’occasione e con l’aiuto di un altro nostro socio, Gianni Coppola, titolare della “Libreria Antica Roma” è stata organizzata un’interessante iniziativa con la presenza a Taviano dell’autore/atleta e la presentazione del suo libro.
Si parte con una “sgambata” nel primo pomeriggio dove, al gruppo di atleti, dell’Atletica Taviano 97, si uniscono anche amici di altre società della provincia che accompagnano Giorgio per le strade di Taviano. Naturalmente non è una gara ma l’emozione è comunque tanta, una leggera corsa affianco al più grande ultramaratoneta italiano non capita tutti i giorni. Un anteprima in cui si apprezzano subito la sua umiltà e la passione per questo sport e come, l’atleta, in tutta la sua semplicità si relaziona con i presenti, raccontando alcune esperienze personali; partecipano anche i cadetti dell’Atletica Taviano 97 che ascoltano entusiasti le sue parole.
La serata continua nella sala “A. Ria” del Palazzo Marchesale di Taviano, all’insegna dello sport e dei valori che l’atletica sa trasmettere. La sala è gremita, arrivano da tutta la provincia gli appassionati della corsa, non può sfuggire un’occasione così ghiotta per conoscere un campione e anche sperare di carpirne qualche segreto.
Alla presentazione partecipano il Consigliere nazionale Fidal Giacomo Leone, il Presidente provinciale del Coni Antonio Pascali, il Presidente provinciale Fidal Sergio Perchia, inoltre dialogano con l’autore per la parte tecnica il Fiduciario Tecnico provinciale Fidal Raimondo Orsini e per qualche consiglio medico, l’ortopedico Giorgio Pantaleo. Gli onori di casa con il Sindaco della città di Taviano Giuseppe Tanisi e l’Assessore allo Sport Serena Stefanelli.
Diversi i punti toccati che hanno tenuto alta l’attenzione dei presenti, dall’esempio del campione e dei valori sportivi che riesce a trasmettere, lealtà, altruismo e rispetto delle regole con l’intervento di Antonio Pascali; alla corsa come divertimento e sport che aggrega e che cresce come dimostrano i numeri degli ultimi anni, nell’intervento di Sergio Perchia, che tra l’altro in questa occasione era a casa e ne ha approfittato per ringraziare tutti i componenti dell’Atletica Taviano 97 per il loro grande impegno verso la promozione e lo sviluppo dell’atletica.
Con la lettura di qualche passo del libro, ad opera del giornalista Andrea Morrone, interviene il dottore Giorgio Pantaleo spiegando che in uno sport di così lunga durata è necessario conoscere e accettare i propri limiti al fine di evitare infortuni. Il punto focale della serata, la lotta al doping, è stato comunque snocciolato dall’autore/atleta, e non poteva essere diversamente considerato che da sempre è un sostenitore della Carta Etica della Fidal. Naturalmente su questo punto gli interventi importanti del tecnico Raimondo Orsini confermando il suo pensiero che chiunque sia condannato per doping non dovrà più indossare la maglia azzurra; riconoscendo che, senza nulla togliere ai successi sportivi, l’uomo Calcaterra è decisamente più avanti rispetto alle sue vittorie, vero testimonial dell’atletica pulita. Sulla stessa linea anche l’intervento del consigliere nazionale della Federazione Giacomo Leone che ha approfondito l’aspetto normativo e i mezzi per contrastare il doping.
Tanti i presenti nella sala, che nel corso degli anni hanno partecipato alla “100km del Passatore” e che guardano con ammirazione a questo grande campione di sport e di vita, ed è quanto ha voluto ricordare con un breve intervento, Vito Carignani, uno dei maggiori ultramaratoneti salentini.
Giorgio Calcaterra conclude con le sue riflessioni su questa gara di cui è diventato simbolo spiegando che è un’esperienza di vita e che non conta solo chi vince, ma tutti coloro che arrivano in fondo sono degli eroi.
Un giorno e un’iniziativa che resterà nella memoria di tutti noi.
 
E’ possibile visionare foto e video sulla pagina Facebook dell’Atletica Taviano 97.

2016/FrancoAPistoia.jpgPistoiabetone - da Franco Margarito 01/07/2016 - 15:18

Pistoiabetone - 26 giugno 2016
 
Dopo la bella esperienza della “100 km del Passatore” uno degli obiettivi di questo anno agonistico diventava la “50 km della Pistoia-Abetone”, una ultramaratona giunta alla 41^ edizione, non una gara come tutte le altre ma una sfida contro se stessi. Una gara tra le più complicate e difficili del panorama delle ultramaratone, soprattutto per il suo percorso pieno di insidie e difficoltà.Si parte la mattina presto alle ore 7.30 dal centro storico della bella Pistoia, capoluogo toscano pieno di storia, tradizioni, eventi e sport. Siamo alla partenza meno di novecento ad affrontare questa bellissima sfida. E’ un continuo salire con pendenze molto impegnative già nei primi 14 km sino a Le Piastre località posta a circa 800 metri sul livello del mare. Superate Le Piastre si incomincia a respirare un po’, anche se la giornata si presenta abbastanza calda, perché si incomincia a scendere fino al 20° km località Pontepetri per poi riprendere a risalire sino a Gavinana 25° km. A questo punto inizia quello che meno ti aspetti, una lunga discesa sino al 33° km con tratti molto impegnativi e piccoli strappetti nei passaggi dai piccoli centri abitati. Arrivati alla località La Lima inizia la sfida finale, ben 17 km di arrampicata che ti porta in cima alla località ABETONE. Un tratto molto impegnativo, dove oltre alle gambe che devono affrontare un gran numero di tornanti pieni di insidia il gran caldo della giornata di domenica 26 riesce a impadronirsi del proprio corpo. A questo punto è la testa che deve funzionare bisogna ragionare non farsi prendere dal panico, ormai ci siamo arrampicati per più di 40 km, la meta non è poi tanto lontana. Raggiungo questa distanza insieme ad un podista della Misericordia Aviglianese (per lui la 10^ Pistoia Abetone). A questo punto non riesco più ad avere lo stesso ritmo, rallento un po’, mi fermo a riposare per un problema di crampi, riprendo, siamo agli ultimi 5 km. Ho l’incitamento da parte di alcuni automobilisti fermi sul ciglio della strada. In questo tratto finalmente si riesce a respirare, la foresta dell’Abetone predomina sul manto stradale, siamo protetti dagli alberi che ci danno l’ultima spinta finale. Finalmente si intravede il centro abitato di Abetone, l’arrivo è a due soli km. E’ fatta, il traguardo appena intravisto nella bella piazza delle Piramidi ti scioglie tutta la stanchezza per la sfida appena conclusa. Chiudo la mia sfida con un tempo 6h e 42minuti e con un complimento fattomi dal mio amico Antonello Canuti “Complimenti, solo chi le ha vissute sa capire cosa significa. Queste non sono gare ma imprese, indipendentemente dal tempo impiegato”.

2016/InvitoCalcaterra.jpgIncontro con l'autore/atleta - da Sergio Perchia 24/06/2016 - 16:53

Incontro con l'autore/atleta Giorgio CALCATERRA
 
Secondo noi, l'obiettivo di un'Associazione Sportiva, oltre al raggiungimento di determinati risultati agonistici con i propri atleti è anche quello di far crescere la cultura sportiva nel territorio di competenza. L’Atletica Taviano 97 ha organizzato per martedì 28 giugno pv alle ore 20.30 presso il Palazzo Marchesale a Taviano (Le) un incontro per la presentazione del libro “Correre è la mia vita” scritto da Giorgio Calcaterra.
L’autore nasce a Roma il 11 febbraio 1972 ed è un atleta di valore internazionale che ha vinto per ben 11 volte consecutive (dal 2006 al 2016) la manifestazione denominata “100Km del Passatore” da Firenze a Faenza; con il libro racconta con semplicità la sua passione per la corsa, l’origine delle sue motivazioni profonde e la sua filosofia di vita basata sul valore assoluto della libertà.
Durante la serata, oltre all’autore/atleta Giorgio Calcaterra, presenti anche il Fiduciario Tecnico Provinciale della Fidal prof. Raimondo Orsini e l’ortopedico dott. Giorgio Pantaleo, che potranno dare delle indicazioni utili per chi pratica questo sport.
Un occasione da non perdere, alla quale vi invitiamo a far sentire, tutti insieme, il nostro apprezzamento ad un grande atleta capace di performance eccezionali.
 

2016/Cadetti.jpgCDS ragazzi e cadetti - da Sergio Perchia 26/05/2016 - 21:22

CDS ragazzi/e - cadetti/e
 
I cadetti si sono qualificati per la finale regionale.
Bella soddisfazione per il gruppo dei cadetti dell’Atletica Taviano 97 che al termine della fase provinciale, in base al punteggio ottenuto, si classificano al 11° posto (sono 12 le società che parteciperanno alle gare), e quindi si guadagnano il diritto a disputare la finale regionale presso il campo Bellavista a Bari. Di seguito chi ha contribuito ad ottenere questo importante risultato e le gare alle quali hanno partecipato:
Gabriele Bagno          2.000 metri, Salto in Lungo e Staffetta 4x100
Gabriele Barone         Getto del Peso, Lancio del Giavellotto e Staffetta 4x100
Lorenzo Botrugno      80 metri piani
Matthias Lannocca     80 e 300 metri piani
Marco Liviello            300 metri piani e Staffetta 4x100
Giacomo Mastrandrea 5Km Marcia e Salto in Lungo
Alberto Parata           2.000 metri, 300 metri ostacoli e Staffetta 4x100
Jacopo Sales            300 metri piani.

Complimenti a tutti per l'impegno.

StartPrecedente [ 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 ] 10 Pagine successiveSuccessivoFine

Calendario
News dalla rete
Ricerca



Sondaggio
Ti sono piaciuti i percorsi delle 5 tappe del "Nel Cuore del Salento dall'Adriatico allo Ionio 2015"?
 
Si
No
Solo alcune tappe. Quali?
1°tappa
2°tappa
3°tappa
4°tappa
5°tappa
Sono stati migliori gli anni precedenti.
Risultati
Allenamenti
Scopri il tuo ritmo nella gara appena conclusa cliccando sul link: Calcoloritmo.xls
________________
X iniziare ad allenarsi: Programma per iniziare.pdf
________________
Correre ... perchè: BeneficiDelCorrere.pdf
________________
Siamo su Facebook
^ Su ^