Frase del giorno:  Quando corro tutti i pensieri volano via. Superare gli altri è avere la forza, superare se stessi è essere forti.   Confucio
L' Associazione
Gare
Webmaster - Infos
Newsletter
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Iscriviti
Cancella l'iscrizione
9 Iscritti
Visite

   visitatori

   visitatori in linea

Preferenze

Connetti di nuovo
---

Il tuo nome:

La tua password (associata al tuo nick)


 Numero degli utenti registrati 21 utenti


Connesso:

(nessuno)
home.gifBenvenuto in Atletica Taviano 97


8 Ore di Specchia
Non stiamo parlando di Porthios, Athos, Aramis e D’Artagnan. E in questa bella storia non ci sono né i quattro moschettieri né controfigure di esperti spadaccini nonostante teatro di questo racconto sia un comune Medievale del Capo di Leuca. Stiamo parlando di corsa su strada e della fatica, il sudore, i colori, come quelli delle divise dei corridori, e la gioia per l’impresa portata a termine che la caratterizzano. I protagonisti di questa esposizione narrativa sono Franco Margarito, Roger Ingrosso, Mirko Previtero e Cesario Picca. Sono i quattro runner dell’Atletica Taviano 97 che sabato 16 luglio 2022 hanno preso parte alla prima edizione assoluta della 8 ore di Specchia, considerato – e a ragione – uno dei borghi più belli d’Italia. E alla truppa mancavano Eliseo Stefano e Marco Marino, due habitué delle gare su circuito, che hanno dovuto dare forfait. Altrimenti il contributo di atleti e risultati da parte della nostra società – seconda come numero di iscritti dopo Monteroni – sarebbe stato ancora più sostanzioso. Dunque, il Salento è tornato ad essere teatro di una bella gara dopo l’esperienza di Acaya del 2019. E lo ha fatto in grande organizzando una manifestazione sportiva che ha davvero entusiasmato. Infatti, elogi sono   venuti   dagli   stessi   partecipanti   che   hanno
risposto in massa nonostante il periodo e le proibitive condizioni climatiche e hanno raggiunto la “Terra baciata dai due mari” da tutta Italia. Tra i 130 iscritti (all’inizio erano 10 in più che si sono dovuti arrendere al Covid mentre altri hanno scelto di gareggiare in altra competizione) alle tre manifestazioni in programma – 8 ore, 44 e 22 km – c’erano anche corridori di Bologna, Emilia-Romagna, Napoli, Pescara, Veneto e Torino. Tutti hanno voluto vergare il proprio nome sulla prima 8 ore che fa parte del Challenge delle 15 tappe delle 8 ore che, sotto l’egida della Fidal, si disputerà in tutto lo Stivale per concludersi a Forte dei Marmi il 31 dicembre prossimo. Per la cronaca la 8 ore di Specchia è stata vinta da Nicola Leonelli della società Manoppello di Pescara che ha sbaragliato la concorrenza con i suoi 93,5 km corsi su un percorso di 1,4 km circa che ha interessato tutto il centro storico di Specchia.
In campo femminile netta vittoria e 4° posto assoluto per Pamela Greco (Saracenatletica) che ha spinto per 80,5km. Ma non è andata male neppure per tutti gli altri partecipanti, che si sono molto divertiti, e per gli atleti della Atletica Taviano 97 che hanno preso parte a una manifestazione bene organizzata e ben accolta dai locali e dai tanti turisti che sabato sera hanno affollato il borgo tra Taurisano e Miggiano. Il nostro Franco Margarito, infatti, è giunto secondo di categoria con i suoi 67 km e 14o assoluto e non è la prima volta che porta a casa un riconoscimento del genere. Ma anche gli altri non hanno sfigurato: Mirko Previtero con 63 km (20o assoluto e 6o di categoria), Cesario Picca con 54 (32o assoluto e 5o di categoria) e Roger Ingrosso con 44 km (51o assoluto e 10o di categoria). Alla gioia dei concorrenti si aggiunge, e non poteva essere altrimenti, quella degli organizzatori, Raffaele Quarta dell’Atletica Corigliano e Andrea Morrone della Mandra Calimera. Sono stati loro a volere fortissimamente questa gara dopo il vuoto lasciato da Acaya. E l’augurio è che altre società si diano da fare per organizzare altre manifestazioni del genere nel Salento. Già in marzo Morrone e Quarta avevano portato la loro idea in seno al direttivo del Club Supermarathon che con Massimo Faleo, membro del direttivo del Club e componente Iuta, che ha dato il suo benestare alla gara, e con il presidente Paolo Francesco Gino, avevano pensato al circuito Challenge delle 15 tappe delle 8 ore. All’inizio la gara doveva disputarsi a Corigliano, ma il fascino di Specchia, senza nulla togliere all’altro comune, ha avuto la meglio. “Sono molto contento della risposta degli atleti della zona così come di quelli che ci hanno raggiunto partendo da ogni parte d’Italia – ha detto Raffaele Quarta – Ringrazio anche la assoluta disponibilità dell’amministrazione comunale di Specchia che ci ha dato tutto il proprio ausilio e gli sponsor che hanno risposto. Certo, non ci abbiamo guadagnato e sono stati commessi degli errori che eviteremo la prossima edizione, ma almeno siamo contenti che si siano divertiti tutti: atleti, turisti e gente del posto”. Sì, perché, come ha spiegato Raffaele Quarta, “l’amministrazione comunale vuole fortemente la seconda edizione e noi non mancheremo di organizzarla in primavera”. Sempre Quarta ha poi raccontato un aneddoto che riguarda questa primissima edizione.
Il protagonista è un atleta di Firenze in vacanza a Galatina. Appena ha saputo che c’era la gara non ha voluto mancare. E nonostante le iscrizioni fossero già chiuse è stato accontentato. Perché noi salentini siamo “gente te core”. E ancora una volta abbiamo dato prova della nostra calorosa accoglienza. L’augurio di Quarta è che anche altre società organizzino gare a circuito per dare al Salento il posto che merita. “Noi abbiamo lanciato il sassolino, speriamo che altri ci seguano” ha concluso Quarta. Molto soddisfatto anche Massimo Faleo del direttivo Club Supermarathon e Iuta che proprio a Specchia ha festeggiato la sua 601a gara tra maratone ultramaratone. “Do un 9 pieno all’organizzazione perché si può sempre fare di più e sono certo che alla seconda edizione ciò accadrà. Senza dubbio un’esperienza entusiasmante e da ripetere”.

Picca Cesario

Campionato Provinciale a squadre 2022
Continua il Campionato Provinciale a squadre di atletica su pista che, nel 2022 per la prima volta, nella provincia di Lecce viene organizzato per le categorie Ragazzi/e e Cadetti/e. L'idea voluta dal FTP Saverio Sabina, si svolge con la formula Biathlon, i ragazzi nell'arco dell'anno partecipano a tutta l'attività organizzata sotto l'egida della Fidal con l'intendimento di favorire la multidisciplinarietà individuale. In base ai piazzamenti e ai risultati ottenuti in ogni singola gara, viene stilata una classifica e al termine del mese di giugno, la situazione nelle quattro categorie per le prime nove società è quella pubblicata a lato. Si nota la classifica dell'ATLETICA TAVIANO 97 che, per il momento, la migliore posizione è quella dei ragazzi con il terzo posto di categoria, al quarto posto tra i cadetti e al quinto tra le ragazze. Fuori dalle prime cinque, che saranno le società premiate al termine del campionato, le cadette che per ora si ritrovano ottave. C'è ancora tempo per migliorare l'attuali posizioni in classifica e, considerando gli ultimi risultati dei ragazzi, siamo convinti che ciò accadrà sin dai prossimi appuntamenti.

Campionato Provinciale P.M. ragazzi e cadetti
Lo scorso fine settimana impegno sulla pista “P. Felice” di Lecce per i giovani atleti delle categorie ragazzi/e e cadetti/e con le prove multiple. Diverse le defezioni dei nostri ragazzi a causa di vari motivi, i presenti si sono impegnati al meglio per ben figurare in una manifestazione che non è facile. I cadetti devono gareggiare nell’arco delle due giornate a 6 specialità (ostacoli, alto, lungo, giavellotto, disco e 1000mt). Due i rappresentanti dell’Atletica Taviano 97 sono Alessandro Casto e Manuel Ingrosso che, pur non essendo al massimo della forma, completa le sei specialità con un totale di 1.075 punti, sono pochi ma adesso sono un punto di riferimento per la società e per tutti gli atleti, in quanto primo cadetto a concludere l’esathlon e quindi ne fissa il primato sociale. Alessandro Casto non completa le sei prove, niente classifica finale per lui, ma riesce ad ottenere i personal best nei 1000mt con 3’22”7 e nel salto in lungo con mt. 4,58.
Nello svolgimento della manifestazione erano previste gare di contorno per tutte le altre categorie, citiamo solo la partecipazione di Christian Mastrandrea allievo che nei 100mt con il tempo di 13”0 sfiora il primato sociale datato 2005 (Trianni Stefano 12”8).
Tornando alle prove multiple i ragazzi gareggiano nel tetrathlon con ostacoli, lungo, giavellotto e 600 metri.
Diversi i risultati interessanti e i primati personali che ottengono i ragazzi a conferma di una buona prova a cominciare da Elia Tunno che migliora  le  proprie  performance  nei
60mt ad ostacoli (h.76) fermando il crono a 11”2 e nel giavellotto dove l’attrezzo atterra a 17,17 metri.
Nei 600 metri invece si migliorano Marco Primavera con 1’48”7 e Nikolò Astore con 1’50”3 che tra l’altro saranno 1° e 2° nella gara. Questo risultato serve per migliorare anche la loro precedente partecipazione al Tetrathlon, chiudono le quattro gare con 1683 punti per Nikolò e 1661 per Marco.

Elena Conte - La nostra campionessa
Sportivamente nata proprio nell’Atletica Taviano 97, potremmo quindi dire una bella realtà del nostro vivaio, crescendo resta fedele ai colori della maglia e tante sono le soddisfazioni a livello personale e sociale che negli anni la brava Elena ha raccolto.

Primo tesseramento nella categoria ragazze nel 2000 insieme alla gemella Sofia, e scorrendo i primati sociali possiamo ancora vederne alcuni che sono stati stabiliti proprio da loro due nei primi anni 2000. Sofia un po' più portata verso la velocità mentre Elena e da distanze più lunghe e infatti ha stabilito nel 2003 (tutt’ora da battere) i primati sociali nei 1000 e 2000 metri femminili, rispettivamente 3’21”4 e 7’34”31. Poi la crescita con il classico periodo universitario e l’ingresso nel mondo del lavoro, la tengono lontana dalle competizioni, ma al ritorno la stoffa si vede subito e fissa anche altri due importanti primati sociali nei 10km su strada a Roma nel  novembre  2019

fermando il crono a 39’42 e un mese più tardi la ½ maratona a Collepasso con il tempo di 1h30’44”.
Gli affetti e la famiglia (con Enrico Giurgola con il quale li unisce anche proprio la passione per la corsa) con l’arrivo di Melissa, la costringono ad una breve pausa, ma dopo la gravidanza eccola ancora in pista a farsi valere e il ritorno proprio sul gradino più alto del podio ad Aradeo, vincendo la gara inserita nel circuito provinciale salentino “Salento Tour 2022”.
Il commento del Presidente Sergio Perchia: “Anche nell’atletica non è facile vedere atleti legati ai colori della maglia in questo modo, siamo orgogliosi di averla con noi. Un atleta molto brava che, con grandi sacrifici, riesce comunque a ritagliarsi lo spazio per i suoi allenamenti. Lavoro, famiglia, la bimba piccola sono sicuramente prioritari ma porta comunque avanti la passione per la corsa e con belle soddisfazioni per lei e per l’Atletica Taviano 97. Grazie Elena”.
Le strade del Salento avranno modo di apprezzare le qualità di questa ragazza anche in futuro!

L'ATLETICA cresce a Taviano
Da diversi anni ormai l’Atletica Taviano 97 segue un settore giovanile che è diventata una bella realtà ed è un gruppo che si pone tra le migliori società della provincia. Diverse soddisfazioni negli anni passati, ma in questo 2022 importante l’affermazione della società nella fase provinciale dei CDS ragazzi/e e Cadetti/e che ha visto l’Associazione riuscire a qualificarsi per la fase regionale, rientrando tra le migliori 12 società in regione, nelle categorie ragazzi, ragazze e cadetti.

Il commento del Presidente Sergio Perchia: “Sono risultati che evidenziamo con orgoglio; è la prima volta che riusciamo a portare tre squadre su quattro al campionato regionale di categoria. Una grande soddisfazione per l’Associazione, per tutti noi ma soprattutto per i nostri ragazzi che si allenano costantemente anche se spesso in condizioni non proprio ideali. Con questi ragazzi l’atletica ha sicuramente un futuro nel nostro territorio”.

Soddisfazione anche tra i tecnici che curano il settore giovanile; sono in due Roger Ingrosso e Gabriele Ferrarese: “Siamo contenti dei risultati ottenuti, la passione che abbiamo per l’atletica riusciamo a trasmetterla ai ragazzi insieme agli aspetti tecnici per il raggiungimento di questi obiettivi. Alla finale regionale andiamo con la speranza di fare ancora meglio, i ragazzi sono carichi e pronti”. Era il loro commento dopo la fase provinciale potremmo dire che è stato profetico visto il risultato finale alle regionali.

L’Associazione Atletica Taviano 97 fondata nel 1997 e quest’anno festeggia i 25 anni di vita con un riconoscimento di grande valore quale l’assegnazione della “Stella al Merito Sportivo” da parte del Coni, per l’attività svolta, non solo con il settore giovanile ma anche con i master che ottengono risultati soddisfacenti partecipando assiduamente all’attività Federale (ultima in ordine temporale la presenza dell’atleta Stefano Eliseo alla “100km del Passatore” da Firenze a Faenza che ne parliamo nella precedente news). Importante, inoltre, è anche la collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Taviano che, lo scorso anno, si è concretizzata con la partecipazione al progetto “Patto educativo di Comunità” con il quale i nostri tecnici (Gabriele Ferrarese e Francesca Reho) hanno sviluppato  un  corso  di  avviamento  all’atletica

nella scuola primaria. Tutto questo si traduce poi in importanti risultati anche quando l’Istituto scolastico partecipa ai Giochi Sportivi Studenteschi; infatti alcuni giorni fa, grande soddisfazione anche per gli insegnanti prof. Cosimo Piccinno e prof. Luca Errico che hanno vinto la fase provinciale dei GSS sia con i ragazzi che con le ragazze. Diversi i risultati che, nella fase provinciale, hanno contribuito alla qualificazione regionale, qualche risultato individuale ma soprattutto una squadra che nel complesso raggiunge il risultato. Da segnalare per i cadetti i risultati nella velocità di Alessandro Casto nei 80 metri con 9”9 (che migliorerà ancora in seguito) e nei 300 metri con 42”1 e nel salto in alto con Edoardo Tridici che supera l’asticella a 1,45metri. Tra le ragazze il miglior risultato tecnico arriva da Beatrice Ferrari con 3’34”2 nei 1000metri e nell’alto con Angela Portaccio che salta 1,15 infine rileviamo anche la buona prova della staffetta 4x100 con 1’03”9 composta da Angela Portaccio, Dalila Longo, Giulia Bruno e Beatrice Ferrari. Il risultato più importante in classifica è arrivato dai ragazzi, e anche qui ricordiamo i tre punteggi più alti ottenuti con Nikolò Astore nel lungo saltando metri 4,38 e con Marco Primavera nei 300 e nei 1000 metri rispettivamente 45”4 e 3’16”3. 
Si arriva a Bari presso il campo Bellavista ognuno con il proprio obiettivo, i ragazzi sono carichi e consci che comunque sono dei CDS quindi, il risultato sarà quello di squadra che potrà fare la differenza. Infatti si battono tutti dando il massimo ed è proprio con il contributo di tutti che arriva un risultato inaspettato. Ci si batte con formazioni consolidate nel panorama dell’atletica pugliese, Molfetta, Acquaviva, Bari Foggia, società più anziane e che hanno strutture a disposizione per l’adeguata preparazione. Ma il cuore dei nostri riesce a fare il classico miracolo, al termine delle gare sono solo 60 punti che ci dividono dalla prima in classifica U.S. Foggia Scuola Naz. Asta ma sono dietro tutte le altre ed è festa per i nostri ragazzi. Rileviamo solo due importanti vittorie anche sul piano della singola specialità nel salto in lungo Nikolò Astore vince la gara con metri 4,35 e anche la spettacolare staffetta 4x100 al termine risulta prima con 55”77 composta da Aron Perdicchia, Elia Tunno, Nikolò Astore e Marco Primavera. Enorme soddisfazione per il tecnico Roger Ingrosso per il risultato raggiunto frutto di impegno, costanza ma anche sacrifici da parte dei ragazzi per prepararsi adeguatamente all'evento.

100 km del Passatore - Eliseo Stefano