Frase del giorno:  Pensi di avere un limite, così provi a toccare questo limite. Accade qualcosa. E immediatamente riesci a correre un pò più forte, grazie al potere della tua mente, alla tua determinazione, al tuo istinto e grazie all'esperienza. Puoi volare molto in alto.   Ayrton Senna
home.gifBenvenuto in Atletica Taviano 97


 

I buoni motivi per iniziare a correre
 


“Ho sempre amato correre, è qualcosa che puoi fare da solo, unicamente grazie alla tua volontà. Puoi andare in qualsiasi direzione, correre lento o veloce, o contro vento se ne hai voglia, scoprire nuovi luoghi usando solo la forza dei tuoi piedi ed il coraggio dei tuoi polmoni!” (Jesse Owens) 

 

Una domanda che spesso mi sento rivolgere da persone che non corrono è: “PERCHE’CORRI?”. Una domanda che ogni runner ha ricevuto da un “non runner”, ma anche una domanda che un runner ha fatto più volte a sé stesso, magari durante gli allenamenti o delle gare complicate. Una domanda che spesso pone una distanza tra chi corre e chi no. Sarebbe facile dire che chi non corre non può capire: ciò farebbe assumere un “atteggiamento di superiorità” al runner e che troverebbe facilmente applausi tra chi corre. 
In realtà, a volte, la domanda è sbagliata per diversi motivi: il primo è che si presuppone un ’‘ipotesi di pazzia’ del runner: “tie si pacciu!” …. “ma nu stai bbonu!” è quello che mi sento dire molto spesso; il secondo è che non puoi chiedere ad un innamorato perché lo sia. Al massimo, puoi chiedere ad un innamorato come è iniziato un amore. Le risposte giuste alla domanda: “Perché corri?” sono tantissime, ognuno ha i suoi motivi. Quello che può accadere, però, è che un runner non dia la risposta reale, neanche a sè stesso, perché non è facile trovare le reali motivazioni che ci fanno muovere o confessarle, non perché ci sia qualcosa di male, ma perché mettersi a nudo non è facile.

Il mio obiettivo, come l’obiettivo di tanti altri che hanno la mia stessa passione, è godermi la corsa, divertirmi, star bene con me stesso. La corsa, oltre a farti star bene se praticata nel modo giusto, è un mezzo di comunicazione, è un modo per parlare, per raccontarsi, per tracciare le proprie esperienze che magari non cambieranno la storia agli altri, ma la nostra si.
La corsa poi dà un senso di appartenenza: non è un caso che ci salutiamo (e acceleriamo) senza conoscerci quando ci incrociamo mentre corriamo. La corsa è rispetto, è aiutarsi, sostenersi, affermarsi, dire chi siamo. Il sacrificio, l’allenamento quotidiano sono la strada per raggiungere gli obiettivi che ci prefissiamo, senza usare scorciatoie: ciò forgia l’animo di chi macina km ogni settimana! A volte veniamo presi in giro perché abbiamo comportamenti semiprofessionistici (abbiamo il nostro coach, il nostro fisioterapista di fiducia, curiamo l’alimentazione come se fossimo alle olimpiadi, etc…) ma è solo un modo per coccolarci, per premiarci, un modo di volerci bene ed amarci. Quindi amici che ancora vi chiedete: “PERCHE’ CORRIAMO?”, mettete le scarpette ai piedi e venite a fare qualche km con me, poi mi saprete dire. Intanto vi propongo 8 buoni motivi per iniziare a correre………buona strada a tutti! 

Mirko Previtero 

8 MOTIVI PER INIZIARE A CORRERE

1°motivo: CORRERE FA BENE ALLA SALUTE FISICA
La sedentarietà è dannosa per la salute; correre fa bene all’apparato cardiocircolatorio, ai muscoli e, in generale, a tutto il corpo.

2°motivo: CORRERE VI FA SENTIRE FORTI
Riuscire a portare a termine un percorso di 2km, 10 km o 40 km, vi farà realizzare che siete molto più in gamba di quanto voi pensiate; questo aspetto riguarderà man mano anche altri aspetti della vostra vita: troverete energie e risorse che voi non pensavate di avere.

3° motivo: CORRERE FA BENE ALLA SALUTE MENTALE
Star bene dentro fa star bene fuori e viceversa; correre fa scaricare ansia e stress, è un toccasana per il nostro benessere psicofisico, fa crescere la nostra autostima.

4° motivo: INIZIARE PIANO
Il bello della corsa è che all’inizio ognuno la può calibrare come vuole, cioè si possono seguire delle tabelle o procedere a sensazione, in base a come risponde il proprio corpo.

5° motivo: CORRERE È PER TUTTE L’ETA’
Si può correre a tutte le età: la cosa importante è programmare le proprie uscite tenendo conto delle proprie condizioni; ovviamente un sessantenne non deve e non può correre come un ventenne ma può ottenere dei risultati inaspettati.

6° motivo: CORRERE È UN MOMENTO TUTTO NOSTRO
Si può correre in gruppo, in coppia, da soli: in ogni caso, nel momento in cui indossiamo le nostre scarpette da running e iniziamo a correre, entriamo in un momento tutto nostro. Prendersi dei momenti per sè stessi è un ottimo rimedio per tutti i mali. Stacchiamo la spina dal lavoro, dalla famiglia, dai figli, dagli impegni per poi tornare ricaricati e pieni di energia.

7° motivo: CORRERE NUTRE IL BUON UMORE
Sfido chiunque a trovare un runner appassionato che sia di cattivo umore: per carità, la giornata storta capita a chiunque, anche ai runners; ma chi si appassiona ad uno sport come la corsa stempera e scarica l’energia negativa accumulata correndo e non lascia spazio al cattivo umore!

8° motivo: CORRERE E’ LIBERTA’
Puoi andare dove vuoi, quando vuoi, pensare a ciò che vuoi, riflettere, decidere, ammirare il paesaggio che ti circonda ….. se non è libertà questa!!!!!

(Mirko Previtero)

 

L'Atletica Taviano 97 entra in consiglio regionale
 


L'Assemblea Regionale elettiva, che si è tenuta sabato 16 gennaio 2021 a Bari, ha riconfermato Giacomo Leone come Presidente Regionale della Fidal Puglia anche per il prossimo quadriennio con 2.923 voti contro i 587 dello sfidante Eusebio Haliti.
Nel Consiglio Regionale, che insieme a Giacomo Leone guiderà la Fidal Puglia per i prossimi 4 anni, entra anche per la prima volta il Presidente della nostra Associazione l'Atletica Taviano 97. "Un grande onore per me essere in consiglio regionale. Continuerà il mio impegno per lo sviluppo, la promozione e la crescita dell'atletica leggare da una posizione diversa, ma sempre con la massima attenzione per il nostro territorio e la nostra Associazione", le parole del Presidente.
Di seguito i dodici consiglieri eletti nel nuovo consiglio: Giuseppe Tomaselli (voti 2.375), Stefano Bianco (2.335), Vito Vasta (2.216), Antonio Petino (2.134), Eugenio Scagliusi (2.031), Antonio Ferrara (1.977), Paolo Di Mauro (1.972), Giacomo Bruno (1.967), Salvatore Lomartire (1.955), Sergio Perchia (1.934), Giovanni Assi (1.775), Carmine Ricci (1.375). Conferma anche per il revisore dei conti Francesco Lobuono (2.778).
 

RIPRENDIAMO l'attività agonistica

In questo periodo siamo stati tutti interessati dall'emergenza sanitaria del Covid-19 e siamo stati costretti anche a fermare l’attività sportiva che l’Atletica Taviano 97 sviluppava. Ora con la fase 2 si consente una graduale ripresa di tutte le attività, pur nel rispetto della normativa sanitaria e delle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Covid-19. pertanto si possono riprendere anche gli allenamenti di squadra. Il tutto, naturalmente, deve avvenire nel pieno rispetto di tutte quelle piccole regole che ormai diventano normali abitudini nella nostra vita quotidiana, tra l’altro, per il nostro sport, proprio in considerazione che la fondamentale azione nella lotta al virus è il distanziamento fisico tra le persone, il fatto che tutte le attività si svolgano all’aperto rappresenta certamente un’opportunità privilegiata.

Forza Atletica Taviano 97   #andratuttobene

 
Distanti1.jpg
#iorestoacasa

#DistantiMaUniti
Distanti2.jpg Distanti3.jpg
  

Sospensione attività di base e agonistica

Nel rispetto delle indicazioni ricevute dalla Federazione a seguito del DPCM relativo alle norme per il contenimento del contagio da COVID-19, e con il buon senso che ci vede impegnati in questo momento ad operare con comportamenti utili per la salvaguardia della salute di tutti, si comunica che sono state sospese tutte le attività sportive della Atletica Taviano 97.

Sarà cura del Direttivo comunicare celermente la data della ripresa delle attività.


 
 

6 ore di Acayca

La sei ore di Acaya è stata una gara fantastica. C’ero anch’io tra i 175 ‘matti’ che sabato 22 giugno hanno preso parte alla prima ultramaratona del Salento. L’ho approcciata con tanti dubbi nella testa a causa del caldo. Normale quando l’appuntamento è fissato alle 16 di un giorno di fuoco con il termometro che segna 37 gradi. La mia paura più grande era proprio la temperatura. E. in effetti, le prime due ore sono state più che faticose. Ad un certo punto ho anche temuto di non farcela. Troppa fatica, troppo caldo, troppo sforzo.
Ma ho resistito. Come al mio solito, ho stretto i denti e sono andato avanti. E ora sono qui a gioire di questo ennesimo risultato raggiunto. La strada verso l’iscrizione al Club super marathon diventa sempre più corta. Se c’è stata una buona riuscita è anche merito degli organizzatori ai quali è d’obbligo fare i complimenti. Hanno scelto una bellissima la location e hanno tracciato un percorso molto carino. Ma soprattutto hanno dimostrato una grande attenzione nei confronti dei corridori. Una cura dei dettagli che non ho mai riscontrato in questi dieci anni di maratone in giro per il mondo.

E' davvero la prima volta e sono orgoglioso che ciò sia avvenuto nel mio Salento. Gli organizzatori non si sono limitati a fornire acqua ai corridori, si sono dati da fare per offrirla fresca. Non hanno fatto mancare i sali, nè la coca cola. E c'erano anche il the e la birra oltre che la frutta e altri tipi di solidi. E all'arrivo hanno continuato a dare il meglio di loro stessi. Non solo hanno fatto coniare una bellissima medaglia, forse la più bella che ho in bacheca. Con essa hanno consegnato ai finisher una buona birra, un pizzo squisito, un gustoso panino alla mortadella e, chi li ha gustati, ha confermato la bontà del pasticciotto e della crostata.

Complimenti anche a tutti i volontari che si sono dati da fare per proteggere il percorso e ai residenti di Acaya che non hanno mai fatto mancare il loro incitamento e la loro vicinanza ai corridori. La sei ore di Acaya è stata davvero un'esperienza molto positiva che merita di essere ripetuta. Magari il 22 aprile o il 22 settembre, così almeno ci sara più gloria per tutti.

Cesario Picca


CDS Ragazzi

CAMPIONI PROVINCIALI

Un importante risultato è stato raggiunto dai giovani atleti della categoria Ragazzi della nostra Associazione. In questo 2019 è la prima volta per l’Atletica Taviano 97 che vince il campionato di società di categoria. Al termine delle gare nelle altre province si ottiene un ottimo 5° posto regionale che ci fa ben sperare per la fase finale. Già nel 2016 i cadetti erano riusciti a qualificarsi per la fase regionale ma in quella occasione, al termine delle fasi provinciali eravamo solo 11° e non fu facile sfidare le altre società pugliesi (infatti la classifica non fu migliorata), in questa occasione invece c’è molta fiducia intorno ai ragazzi, sia per i risultati che hanno ottenuto e possono migliorare, sia perché la distanza con le prime non è impossibile da colmare.
Di seguito i nomi dei ragazzi che hanno partecipato: Alessandro Casto - Marco Ferraro - Manuel Ingrosso - Paolo Lezzi - Christian Mastrandrea - Lorenzo Parata - Alfredo Rainò - Angelo Simeone.

 
Campionati Italiani indoor master
Ancona 22-23 febbraio 2019
Sarà anche l'ultimo arrivato in merito al tesseramento per l'Atletica Taviano 97 ma certamente gia dalle prime uscite si notano le sue capacità atletiche.
Eccolo sulla pista indoor di Ancona dove si sono svolti i Campionati Italiani master.
Il suo commento: " La possibilità di misurarsi ai massimi livelli è sempre un'occasione alla quale non bisogna rinunciare. Il Pentathlon non sembrava iniziato benissimo con le prime due gare, ma poi nel finale due prove magistrali rimettono un pò a posto le cose, alla fine con il punteggio di 2821 si ottiene un 5° posto nazionale e si stabilisce il nuovo primato regionale del pentathlon cat. SM50".
In sintesi i risultati delle cinque gare sono stati:
corsa 60mt ostacoli (h91) = 11"69
Salto in lungo = m. 4,85
Getto del peso kg.6 = m. 8,49 (P.B.)
Salto in alto = m. 1,51
corsa 1.000mt = 3'19"89 (P.B. + M.P.P.)

E non finisce qui!
Il giorno successivo si effettuano altre due gare individuali, stabilendo anche quì due nuove Migliori Prestazioni Provinciali indoor di cat. SM50:
corsa 60mt ostacoli (h91) = 11"58 (P.B.) e Getto del peso kg.6 = m. 8,32

Complimenti Rosario!!!

Attività anno 2019


Riprende l'attività agonistica e i ragazzini sempre in prima fila per l'Associazione. Il periodo è quello delle corse campestri e il Comitato Provinciale della Fidal di lecce ha stabilito due prove per l'assegnazione dei titoli provinciali alle categorie Esordienti, Ragazzi e Cadetti. La prima si è svolta a Lecce il 9 febbraio e la settimana successiva il 17 febbraio a Maglie la seconda. Premiato l'impegno dei ragazzi, e dei tecnici dell'Atletica Taviano 97, con ottimi piazzamenti in particolar modo continuano le belle prove, già viste lo scorso anno, di Beatrice Ferrari che dimostra tutto il suo valore e la sua forza. E' vero si tratta di una ragazzina di 9 anni e c'è tutto il tempo per farla crescere tranquillamente e fargli ottenere i risultati che contano ma è un vero piacere vederla già adesso mettere dietro di se tutti gli altri coetanei, maschietti compresi. Forza Bea!!!


Young in festa


L’impegno dei ragazzi dell’Atletica Taviano 97, messo in risalto con apposito appuntamento per premiare coloro che hanno partecipato all’attività anno 2018, vincitori e non.

L’appuntamento “Atletica Taviano 97 Young in festa” si è svolto giovedì 27 dicembre presso il Palazzo Marchesale a Taviano alla presenza del sindaco Giuseppe Tanisi e dell’assessore allo sport Serena Stefanelli. Per i ragazzi entusiasmante ricevere il premio anche dalle mani del grande campione salentino di salto triplo Daniele Greco che ha spronato i ragazzi ad impegnarsi in questo sport e, con la sua presenza, ha voluto anche testimoniare la possibilità di arrivare ad alti livelli pur con tutte le difficoltà, in primis delle strutture mancanti, che si vive giornalmente sul nostro territorio. Il Presidente dell'Associazione Sergio Perchia ha voluto ricordare che “È stato un anno lungo e impegnativo per